Image
Home Blog Cultura Per dimenticare bisogna ricordare

Per dimenticare bisogna ricordare

Storie di tutti i giorni

a cura della
Dr.ssa Marcella Ciapetti
Pedagogista, Pedagogista clinico

Per dimenticare bisogna ricordare 

Il dolore di chi lascia è diverso da quello che prova chi viene lasciato.

Chi viene lasciato, viene gettato nel dolore, in una sofferenza profonda, che svuota.

Lacan parla di “separtizione”. Bel termine: nell’esperienza della separazione si perde un pezzo di noi, qualcosa che resterà nell’altro, per sempre. Mi viene in mente la canzone “Dove tutto e a metà” dei Tiromancino…

Non ricordo quante volte io abbia paragonato la fine di un amore alla perdita di un arto. Ci si sente menomati, a metà, privi di qualcosa di nostro che compromette il nostro equilibrio e benessere. E che si fa? Freud parla di lavoro del lutto, un lavoro molto simile alla perdita di qualcuno che amiamo che passa a miglior vita. Un lavoro che attraversa il dolore, che richiede tempo e memoria. “Bisogna frequentare la ferita che l’altro ci ha inferto”, conoscerla , abitarla, nel tempo.

Ed è necessario ricordare, non incollarsi all’oggetto d’amore perduto con l’odio, ma proteggere , ricordando, ogni fermata nella stazione del legame d’amore, ciò che , comunque sia andata, ci ha riempiti di attimi indimenticabilmente belli. Si arriverà , come afferma Nietzsche, al tempo del disgelo, quel vento di primavera che ci farà respirare leggerezza. Assurdo, bisogna ricordare per dimenticare… ma in fondo non si dimentica, perché “c’è sempre un resto”, una ferita cicatrizzata che ci ricorderà quanto la solitudine, piacevole e  dolorosa allo stesso tempo, sia un riconoscimento del nostro difficile lavoro di rinascita.

Non bisogna aver fretta , sostituendo l’oggetto d’amore come un qualunque pezzo di ricambio, nè concedere all’odio una “brillante carriera”.

Tante volte abbiamo una lettera d’amore da spedire, ma non conosciamo nessun indirizzo al quale inviarla…

Non c’è lutto indolore e non c’è lutto che non richieda un lavoro lungo e doloroso…

e, come afferma Recalcati, viviamo in un tempo anti- lutto, che mira all’odio di chi abbiamo perduto e alla sostituzione immediata dell’oggetto d’amore.

In questo modo, la ferita non sarà mai poesia.

Insomma per dimenticare bisogna ricordare… ed è un lavoro che non necessariamente porta all’isolamento, concetto ben diverso dalla solitudine, una dimensione che, seppur dolorosa, può rimetterci in contatto con noi stessi. Per elaborare un lutto, una fine, ci vuole lavoro e tempo…











Ciociaria & Cucina Excellence nasce dall’idea di entrare nel mondo eno-gastronomico, di quella tipica realtà ciociara che si contraddistingue, non solo per una cucina fortemente legata al territorio e alla bellezza delle sue terre, ma per tutta quella eccellenza agricola e produttiva di cui tutta l'Italia ne è fiera.
Per questo motivo accompagneremo il lettore alla riscoperta di antichi sapori, sollecitando anche la sua voglia di conoscenza verso cammini storici-culturali, ambientali-escursionistici e enogastronomici. Metteremo in risalto ogni angolo che racchiude la storia di questa antica terra.

Altri articoli della categoria Cultura

Land Art di Livia Gualtieri

Land Art

a cura di Livia Gualtieri

Questo articolo esplora l’intersezione tra arte e natura attraverso la Land Art, con un focus particolare su un festival in ...
psyche di fausto russo

Il cibo: una scusa per assaporare lentamente il mondo

a cura di Fausto Russo

Il cibo: una scusa per assaporare lentamente il mondo Introduzione In questa prima puntata di Psyche, ci immergiamo in una ...
Musica Parole e Silenzi di Claudio Campadello

Musica Parole e Silenzi

a cura di Alfio Mirone

Musica Parole e Silenzi Nel panorama musicale contemporaneo, raramente si assiste a creazioni che sfidano i confini tradizionali dell’espressione artistica ...